VIDURA

VIDURA

Una delle figure centrali nella storia del Mahabharata. Nacque dall’unione di Vyasadeva con la servitrice di Ambika, madre di Maharaja Pandu, e rappresenta una manifestazione di Yamaraja. Questi fu maledetto da Manduka Muni a nascere sulla Terra tra i sudra, che raggruppano generalmente gli uomini di minore intelligenza. Ecco la sua storia. Un giorno la polizia di Stato cattura alcuni ladri che si erano nascosti nell’eremitaggio di Manduka Muni. Secondo la procedura, le guardie arrestano tutti, compreso il saggio che in seguito viene condannato dal Tribunale a morire trafitto da una lancia. Ma al momento dell’esecuzione il re, avvertito, annulla immediatamente la sentenza, poi implora personalmente il saggio di perdonare l’errore dei suoi uomini. Una volta libero, il muni va da Yamaraja, maestro del destino degli esseri, il quale, interrogato dal saggio, gli rivela che durante la sua infanzia aveva trafitto una formica con una pagliuzza affilata ed è questo il crimine che gli valse la sua disavventura. Il muni, considerando ingiusta la punizione inflittagli per un’offesa commessa innocentemente nell’infanzia, condanna Yamaràja a diventare un sudra. Questi diventa dunque Vidura, il fratello sudra di Dhrtarastra e di Maharaja Pandu. Nonostante la sua bassa nascita, questo figlio dei Kuru ricevette da Bhismadeva la stessa conside­razione dei suoi fratelli. In seguito sposò una ragazza nata anche lei dall’ unione di un brahmana con una sudrani. Egli non ereditò direttamente i beni di suo padre, fratello di Bhismadeva, ma ricevette per la grazia di Dhrtarastra, suo fratello maggiore, terre sufficienti. Un legame profondo lo univa a questo fratello maggiore, che cercò sempre di guidare verso il giusto cammino. Infatti, durante la guerra fratricida di Kuruksetra, Vidura lo esortò ripetutamente a rendere giustizia ai figli di Pandu; ma Duryodana non vedeva di buon occhio gli interventi dello zio e glielo fece capire con insolenza, tanto che Vidura lasciò il palazzo e parti in pellegrinaggio, durante il quale avrebbe ricevuto gli insegnamenti di Maitreya.