Casualità e causalità

Casualità e causalità

Qual è il tuo destino?

Alcune persone dicono “Oh, tutto è causalità tutto discende da un’influenza impenetrabile, indecifrabile ed a causa di ciò tutte le cose sono come sono”.

Senza sapere come dirigersi verso questa fonte, subito cercano la buona sorte avendo un termendo timore davanti ai segni della cattiva sorte. Si diventa molto superstiziosi, si preoccupano “cosa mi succederà?” e pensare che “non credo a nessuna forza, nessuna legge che sta dietro a tutto. Però io confido in qualche tipo di influenza positiva che mi può benedire, che si chiama la buona sorte”.

Molta gente dice: “se accendi una candela ti porterà fortuna”. Altri dicono: “se vai in un luogo di pellegrinaggio, questo ti porterà un destino favorevole”. Altre persone ancora dicono: “quando aiuti un mendicante questo ti porta fortuna”.

Ci sono quindi differenti convincimenti tutti basati tutti basati sull’idea che ogni cosa è casuale, che non c’è una fonte, che non c’è un destino concreto, che tutto quello che occorre in questo mondo è frutto del caso.

In questa maniera vi è sempre uno stato d’ansia. Si vuole tentare la fortuna comprando un biglietto della lotteria e quindi si dice. “tutto mi va male perché sono sfortunato, la sfortuna mi perseguita. Perché io? … sempre io … mi serve qualcosa d’altro”. Ed a volte, nella confusione, si lasciano influenzare dai famigerati rappresentanti o produttori della buona sorte; quando va molto male, si pensa “sarà che devo fare un piccolo rituale per trovare la mia buona sorte”. C’è tutto un commercio legato a questo, per comprare “l’anello dell’attrazione magnetica” per attirare il sesso opposto … in un lampo; o, per esempio, ci si lascia influenzare dagli stregoni, dai maghi che dicono “ah, ora analizzeremo la situazione … se metti un amuleto tutte le tue influenze negative scompariranno e cose di buon auspicio appariranno”. Altri diranno: “ah, stai male! Si deve fare un rituale di purificazione per cacciare tutti i fantasmi che hai addosso”. In altre parole, in questa maniera, non credendo a nulla si comincia a credere a qualsiasi cosa e, sopratutto, che ciò di cui si necessita sarà influenzabile, cioé che ci sono influenze positive ed influenze negative e che entrambe non hanno a che fare con se stessi e così c’è un grande commercio nel mondo. Si vendono favori, buona energia, “il bagno delle sette erbe”, e chi più ne ha più ne metta.

Tutto questo con il fine di migliorare le proprie opportunità che si pensa siano governate dalla casualità.

A tutti questi che sono influenzati da un tale tipo di pensiero, diamo la buonissima notizia, che è una gigantesca illusione, perché non esiste la casualità, tutto è CAUSALITA’.

Tutto è stato causato, non per una forza estranea a te; tutto ciò che è presente nella tua vita è stato causato da te stesso a causa della tua propria attività.

Tu stesso sei l’artefice della tua fortuna; il detto popolare dice “sbagliare è umano”, però, molto più umano che sbagliare, è il cercare di trovare qualcuno per dargliene la colpa: si va in giro a dire “loro hanno la colpa”, “lui ha la colpa”, “lei ha la colpa” e si dimentica che quando si punta il dito verso qualcuno dopo si avranno tre dita puntate verso se stessi. Tu hai la colpa, io ho la colpa, il mondo intorno a te è perfetto ed è dotato e diretto dalla legge di Dio, e l’unico che ha ha creato un equivoco sono io.

Io ho commesso molti errori, io ho maltrattato gli animali, io ho fatto piangere molta gente indifesa e adesso ho la reazione karmica, e non solo per le attività di questa vita, ma anche dal karma per le vite passate. Per questa ragione io sono nato in una famiglia in particolare, ho questo corpo, ho questo tipo di intelligenza. Tutto questo mi è stato consegnato come prodotto della mia vita passata, non c’è niente di casuale, tutto è causale … Il colore dei miei capelli? Anch’esso è incluso; il posto dove sono nato? Anche questo è incluso; che tipo di padre ho avuto? E’ incluso; il talento che possiedo? Anche questo è incluso … tutto, tutto è incluso in quello che mi ha portato il destino.

Io sono il prodotto di quanto ho attuato nel passato, io sono il responsabile e non devo dare la colpa a nessuno.

Non devo scappare, perché io cambierò veramente quando capirò che sono io il responsabile e nessun altro.

L’evoluzione della coscienza è assumersi la responsabilità e prepararsi perchè il tuo futuro, la tua prossima nascita, non siano pregiudicati a causa dei tuoi errori.

Se vuoi evolverti realmente devi adottare perfettamente la condotta di un cavaliere, di una persona veramente realizzata spiritualmente, compassionevole, grata, virtuosa. Che cerca di avanzare sforzandosi realmente per non avere più un attaccamento alle cose materiali; l’attaccamento materiale mi tiene in questo mondo, attaccato a tutti i miei desideri. L’attaccamento materiale è la causa di molti errori. L’attaccamento materiale mi fa diventare lussurioso, invidioso, avido, confuso e attratto a commettere molti errori. L’attaccamento materiale alla gratificazione dei sensi materiali è la ragione per cui io sono in differenti corpi materiali. Se io uccido degli animali nella prossima vita nascerò come animale e pagherò con la mia stessa carne. Se io torturo, maltratto altre persone, alla stessa maniera, in un altro momento, sarò torturato, maltrattato, umiliato.

Non devo occuparmi d’altro, devo solamente apprendere come correggermi ed agire correttamente, perché questa è la realizzazione; la causalità governa il mondo, ogni effetto ha una causa e la causa ha un effetto, per questo nessuno è libero; nessuno può dire “No, a me non mi riguarda, io sono indipendente”. Tutto il contrario, siamo soggetti a milioni di leggi di Dio e dobbiamo cercare di uscire dalla condizione dell’errore ubbidendo alle leggi di Dio, correggendo la nostra condotta in accordo alla volontà di Dio, in accordo con tutto quello che ci insegna la legge di Dio, perché attenendomi alla volontà di Dio non cado in cattive circostanze che successivamente dovrò pagare.

Esiste anche un modo per liberarsi dagli errori commessi nel passato, esiste anche ciò che si chiama amnistia spirituale, perché la giustizia è umana ma il perdono è divino .

Però Dio ci perdona per i nostri errori solamente quando noi ci consegnamo alla sua volontà e non commettiamo sempre gli stessi errori.

Questo è un processo scientifico, quando tu realmente chiedi:

per favore Signore io voglio servirti, voglio essere uno strumento del tuo amore, accetta il mio piccolo servizio, fai di me uno strumento, sono materiale disponibile, il mio ego e la mia ribellione sono spariti, i miei commerci con questo mondo materiale per i miei fini materiali temporali sono anche loro scomparsi, io non voglio essere più in opposizione alla tua volontà, per favore Signore perdonami per tutto quello che ho commesso, le brutte azioni del passato, con l’illusione di ritenermi il beneficiario, il controllore, il proprietario di qualcosa, ma adesso capisco che era tutta un’illusione, l’unica cosa che ho sei Tu, la tua bontà, il tuo affetto, il tuo perdono; e tu che mi hai creato lo sai perché mi vuoi ed io sono disposto a farlo, io credo nella causalita che tu hai creato perché io possa incontrarti, perché io mi possa decidere. Voglio essere responsabile, voglio fare qualcosa di bello con tutto ciò che tu mi hai messo a disposizione, voglio essere il miglior padre per i miei figli, voglio essere il miglior marito per mia moglie, voglio essere il migliore amico dei miei amici, voglio essere il migliore benefattore degli altri, voglio essere sincero, voglio essere affettuoso, voglio essere generoso, voglio essere un rappresentante della tua volonta, del tuo amore, questo è ciò che io desidero mio signore”.

“Questa è la conclusione dopo aver sbagliato per tanto tempo ed aver pensato che io posso fare quello che voglio e che mai sono responsabile per questo.

Ora sono molto pentito però so che tu mi vuoi bene e per questo mi hai creato, io so che tu sei disposto a portarmi nella tua dimora, nella tua dimora eterna ed io voglio arrivarci, se c’è qualcosa che interferisce con il mio arrivo nella tua dimora, qualcosa che io ho ancora, rimuovilo per favore.

Ho sentito che quando trasferiamo il nostro attaccamento alle cose materiali ad un devoto, oppure al signore, questo attaccamento si trasforma nella causa della nostra liberazione;

permettimi di attaccarmi ai tuoi devoti,

permettimi di attaccarmi al tuo santo nome,

permettimi di attaccarmi alle tue rivelazioni dei tuoi libri sacri.

Permettimi di attaccarmi ai luoghi dove la gente si riunisce per servirti, per glorificarti.

Permettimi di attaccarmi a tutto il resto che tu ci hai concesso, come il cibo offerto a te chiamato prashadam,

permettimi di attaccarmi alle istruzioni del mio maestro spirituale ed alla voce del maestro interiore,

permettimi di attaccarmi alla verità, rifiutando la menzogna e la confusione,

permettimi di attaccarmi alla luce distanziandomi dall’oscurità,

permettimi di essere una brava persona che gli altri possano incontrare come qualcuno che può servire e non come qualcuno che le persone distanziano e ripudiano,

mio signore permettimi farmi desiderare di servirti,

permettimi mio signore di allontanarmi dall’egoismo che mi fa optare per cose che riguardano la mia convenienza e la mia speculazione, ma aiutami ad optare per ciò che reca più felicità a te o per quello che aiuta altri in qualche maniera,

permettimi signore di vedere la connessione dei tuoi grandi piani con la mia piccola vita,

permettimi di avere una vita dove tutto quello che io faccio ti causa soddisfazione. Tutto questo dipende da te, senza la tua misericordia io non posso fare nulla, non voglio più tornare nell’ignoranza, non voglio più tornare all’idea che io sono il controllore,

non voglio più tornare nell’ignoraza per cui io sono il beneficiario,

il mio godimento è la tua allegria.

Tra il mio signore e me non voglio più una separazione di interessi; per questo io accetto i tuoi desideri, la tua volontà come guida per la mia vita e spero che mi riveli sempre come riuscire a capire qual’è la tua volontà, perché questa è l’unica cosa che mi farà felice e tenere una vita degna”.

Seppure con tutto l’affetto e l’amore, avverto che tutti quelli che pensano che la vita è una casualità e che cercano solamente vantaggi materiali momentanei, ignorando totalmente il bene assoluto della propria anima, della propria vita eterna ignorando il fatto che solo un mistico supremo ha potuto creare un piccolo mistico come noi, ignorano la dolcezza del proprio cuore ed il desiderio di amare profondo e forte che si trova all’interno di noi stessi e pensano che avere solamente un po’ di guadagno materiale, un poco di gratificazione per la posizione sociale sarà sufficiente per avere una vita gratificante che ne valga la pena.

Peggiori sono quelli confusi nella droga, che disperdono la loro vita cercano di raggiungere nella loro vita piacere e divertimento, alterazione della coscienza con l’idea che questo andazzo li possa soddisfare un poco di più mentre in realtà li danneggia,li annebbia, li strugge; costoro necessitano veramente di tanto per avanzare spiritualmente.

Mi dispiace molto per coloro che non possono aprire i loro occhi per una ragione o per un altra; voglio aiutarli, voglio essere una luce per gli altri in questo mondo per mostrare il cammino corretto, per quelli che pensano che la vita è una casualità e credono che solamente la buona sorte li aiuterà, che mai hanno ascoltato profondamente, che mai hanno compreso il meraviglioso invito a scoprire il miracolo di vivere, il miracolo di sentire, il miracolo di amare, il miracolo di stare con Dio e tutti i suoi fratelli, il miracolo dell’amore universale.

Io lo voglio condividere in modo che non continuino a vivere una vita triste, una vita scoraggiata, una vita senza aspettative, una vita senza amore.

No non continuate così, lasciatevi abbracciare dall’amore per Dio, è molto tangibile, molto vicino a te, devi solo esprimere a Dio che sei pronto per amare, che sei pronto a fare ciò che a lui piace.

Lui cerca sempre noi, però non vuole imporsi, lui vuole che noi siamo desiderosi di fare la sua volontà col libero arbitrio.

Quando noi siamo in questo mondo e abbiamo questa opportunità di comprendere che tutta questa meraviglia della creazione ha un proposito superiore, quando comprendiamo che non esiste niente senza causa nella creazione e che tutto è meravigliosamente ordinato, allora possiamo capire che la nostra creazione, la nostra coscienza, non sono degli incidenti e che tutto è perfettamente pre-programmato, incluso che tu sei un essere indipendente, con la tua propria volontà. Per questo è tua la decisione di amare il tuo signore ed ai tuoi fratelli, oppure se vuoi vivere in questo mondo come se tu fossi l’unico che ha importanza,sfruttando gli altri oppure restando indifferente per il destino e la sofferenza degli altri, correndo dietro le sensazioni effimere: questa è una tua decisione.

Io ti parlo per aiutarti a riflettere, non è un mio messaggio, io sono il portavoce del messaggio del Signore Krisnha, del mio maestro spirituale.

Speriamo, vogliamo che tu possa sentirti il benvenuto, siamo tutti fratelli e sorelle, non sprecare la tua vita umana, vieni a godere del bello della vita che è l’amore.

L’amore è spirituale, condividilo con gli altri, trascorri la vita felice e ti accorgerai che è bello tutto quello che Dio ha fatto.

Non vedrai più nulla di spaventoso perché comprenderai che sono tutte reazioni per errori che occorrono per correggere il cammino di coloro che si erano sbagliati, in maniera che si risvegllino alla eterna realtà.

Grazie mille per darmi l’opportunità di parlare con te da cuore a cuore