Timore della vecchiaia

Il timore della vecchiaia

Tutti invecchieremo e questa è una posizione che esige maturità.

Se uno non ha raggiunto la maturità nella vecchiaia, ciò è molto spiacevole.

Il vero tesoro della vita è maturare attraverso il superamento degli esami della vita, un po’ come a scuola dove si devono superare differenti esami per maturare e per ricevere altri insegnamenti più avanzati.

Ed un’altra volta ci saranno altri esami, ed un’altra volta nuovi insegnamenti ed ancora nuovi esami.

La vita intera è così e la vecchiaia e le malattie pure, sono tappe importanti per crescere, per essere grati per tutto quello che si è ricevuto e per trasmettere la propria saggezza ai giovani che hanno meno esperienza.

Questa la chiamiamo l’età d’oro perché è qualcosa di bello, la compassione, la preoccupazione per il benessere dei i meno preparati è la cosa più elevata, è incredibile.

Ma c’è una cosa ancora più elevata, ed è quando a qualcuno non resta altro che pregare Dio per chiedere la sua misericordia. Diciamo, per esempio, quando uno non può più muoversi, o si trova in coma. Come l’ultima tappa che viene, a tutti succede di arrivare al punto di non poter fare più niente, di essere completamente dipendente dagli altri.

Sarebbe l’ultima possibilità che Dio ci dà per rifugiarci in lui.

Diciamo che tutta la vita deve essere una vita consacrata, essendo grati, compassionevoli, imparando e passando gli esami per crescere e per poter servire nel migliore dei modi.

Perché alla fine dei conti tutto ciò che impariamo qua ha come finalità di essere degli umili servitori della Verità, di Madre natura, di tutti gli essere umani e prima di tutti di colui che ci ha creati, generati nella nostra individualità.

Per questo la vecchiaia é come arrivare al culmine di qualcosa, qualcosa che deve farci sentire molto grati di essere arrivati a questo punto.

E se ancora non siamo abbastanza maturi allora dobbiamo avvicinarci più rapidamente e donarci intensamente e preoccuparci per gli altri.

Per me la vecchiaia è il regalo più grande che possiamo ricevere. E con questo regalo possiamo prepararci per l’ultimo momento, quando lasceremo questo corpo, in questo momento c’è solamente Dio ed il suo santo nome:


Hare Krishna Hare Krishna Krishna Krishna Hare Hare Hare Rama Hare Rama Rama Rama Hare Hare


Non abbiate paura di tutto questo, abbracciatelo, tutto è come deve essere, tutto è una preparazione che ci avvicina ad una grande perfezione, fino all’incontro con il nostro eterno signore.

Chiaramente si deve avere devozione, molta predisposizione, molta nostalgia per stare con lui, perché non siamo obbligati a stare con Dio e nemmeno lo possiamo esigere.

E’ per merito e per amore che tu puoi guadagnare qualcosa di così prezioso.

Molte grazie, spero il miglior risultato a tutti voi per avere una vecchiaia di successo, incontrandovi con Dio ed aiutando tutti gli altri.

Ringrazio per questa ispirazione il mio maestro spirituale che mi ha mostrato una vecchiaia molto bella, unica ed incredibile.

Anche quando si trovava nel letto per lasciare questo mondo, ancora traduceva scritture e lasciava messaggi d’amore ai suoi discepoli.

A noi.