K – L

K

Kala: Tempo eterno.
Kali-yuga: Era (yuga) del litigio e dell’ipocrisia, l’ultima del ciclo di maha-yuga (quattro ere); dura 432.000 anni. E’ l’era presente, iniziata circa 5.000 anni fa. Essenzialmente si caratterizza per la progressiva scomparsa dei principi della religione e l’esclusiva preoccupazione per il benessere materiale.
Kalpa: Nel suo significato più generico, è la durata di un giorno di Brahma (4.320 milioni di anni), che comprende migliaia di cicli di quattro ere o maha-yuga.
Kama: Lussuria, desideri materiali.
Kamini: Tipo di donna creata dal demone Bala che, colma di lussuria, si accompagna a uomini di qualsiasi tipo. Lussuriosa.
Kamsa: Re demoniaco. Era lo zio di Krishna quando questi venne sulla terra 5000 anni fa.
Kanaka: (1) Desiderio di denaro e cose materiali. (2) Oro.
Kanda: Sezione.
Kanistha-adhikari: Devoto di classe più bassa, apprezza solo la Divinità ma non i vaisnava, la sua vita spirituale è ancora instabile.
Kapila Deva: Incarnazione di Dio; autore del sistema filosofico noto come Sankhya, parte importante dell’eredità filosofica dell’antica India.
Karatala: Piccoli cembali utilizzati nel kirtana.
Karanodakasayi Visnu: Il primo Purusa-avatara. Dai pori della sua pelle sono sorti innumerevoli universi.
Karma: (1) Legge della natura secondo la quale ogni azione materiale, buona o cattiva, comporta
necessariamente delle conseguenze, che hanno l’effetto di aumentare l’incatenamento dell’autore all’esistenza materiale e al ciclo delle ripetute nascite e morti; (2) Qualsiasi atto conforme alle regole del Karma-kanda (*vedasi); (3) L’azione, nell’accezione più ampia; (4) Le conseguenze o reazioni, dell’azione.
Karma-kanda: Parte dei Veda che tratta delle attività prescritte per ottenere vari piaceri materiali.
Karma-misra-bhakti: Servizio devozionale mescolato con un certo interesse per il potere o l’acquisizione materiale attraverso il karma.
Karma-yoga: Processo che aiuta a liberare progressivamente chi lo pratica, da tutte le contaminazioni materiali, insegnando a purificare le proprie azioni per cercare di connettersi con il Divino, in quanto vengono soddisfatti i doveri mondani. Il sentiero del dovere.
Karmi: (1) Materialista; persona che con le sue azioni vuole solo conseguire il piacere dei sensi ottenendo il crescente incatenamento al ciclo delle nascite e morti ripetute; (2) Karma-yogi o praticante di karma-yoga (*vedere alla voce).
Kaviraja Goswami: (*vedere Krsnadasa Kaviraja Goswami).
Kirtana: (1) Glorificare il Signore; una delle nove attività spirituali del servizio devozionale (*vedere Bhakti-yoga); (2) Il canto collettivo dei Santi Nomi e delle glorie di Dio, di solito con l’accompagnamento di vari strumenti musicali (*vedere Sankirtana).
Kosa: Guaina o corpo.
Krpa: Grazia, misericordia.
Krishna: La Suprema Personalità di Dio che appare nella sua forma originale a due braccia, che è l’origine di tutte le altre forme e incarnazioni del Signore. L’Infinitamente Affascinante, dal momento che è l’essere più attraente di tutta la creazione.
Krsnadasa: Servitore del Signore Krishna.
Krsnadasa Kaviraja Goswami: Elevato devoto del XVI secolo; era discepolo di Srila Rupa Goswami e di Srila Raghunatha dasa Goswami; ha composto l’opera suprema della letteratura
vaisnava: il Caitanya-Caritamrta.
Krishna Dvaipayana Srila Vyasadeva: Incarnazione letteraria di Krishna. Il compilatore dei Veda.
Krishna katha (Hari-katha) Temi relativi alla Suprema Personalità di Dio.
Krsna-prema: Amore per Dio, libero da qualsiasi motivo egoistico.
Krishna-prasadam: (*vedere Prasadam).
Ksatriya: Amministratori e militari, protettori della società; gruppo che costituisce uno dei varna (*vedere Vernasrama).
Ksirodakasayi Visnu: Il terzo Purusa-avatara. È il Paramatma collettivo di tutte le entità viventi; da esso si espandono tutte le incarnazioni dell’universo.
Kumara: Quattro asceti eruditi figli del Signore Brahma che hanno eternamente l’aspetto di bambini.

Kunti: Zia di Krishna e madre dei Pandava.
Kuruksetra: Luogo di pellegrinaggio che è vicino a Nuova Delhi dove si svolse la battaglia di Kuruksetra e Sri Krishna espose la Bhagavad-gita (*vedere Dhrtarastra e Pandava).

L

Laksmi: Compagna eterna del Signore nella sua forma di Narayana nei pianeti Vaikuntha.
Lila: Passatempi trascendentali del Signore.
Loka: Piano, pianeta.