S

S


Saci: La divina madre di Sri Caitanya Mahaprabhu.
Sadhana-bhakti: La pratica del servizio di devozione.

Sadhaka: Praticante il servizio devozionale.
Sadhu: Saggio o persona santa. Sono designati con questo termine coloro che essendosi interamente dedicati al servizio del Signore Supremo Sri Krishna, hanno dato mostra della più grande saggezza e più grande santità.
Sadhu-sanga: Associazione con persone sante.
Sahajiya: Una categoria di cosiddetti devoti che cercano di imitare i passatempi del Signore.
Sakhi: Devota che espande l’amore coniugale per Krishna e il suo piacere tra le gopi. Gopi che assistono Radharani.
Salagrama-sila: La Divinità del Signore sotto forma di pietra che è adorata dai brahmana vedici.
Sama: Uguale. Stato di equilibrio della mente.
Samadhi: Assorbimento della mente. (1) Stato perfetto di estasi che si raggiunge con l’assorbirsi completamente nella coscienza di Krishna. (2) L’ultima delle otto fasi dell’astanga-yoga che corrisponde all’auto-realizzazione spirituale.
Sambandha-jnana: Conoscenza della relazione eterna tra la jiva e il Signore.
Samhita: Inno.
Sampradaya: Tradizione, dottrina. Linea o scuola filosofica.
Samsara: ciclo di nascite e morti ripetute.
Samskara: Riti o sacrifici purificatori destinati a santificare l’essere umano nei momenti più importanti dell’esistenza.
Sanatana-dharma: Dovere eterno dell’anima.
Sanatana Goswami: Uno dei sei maestri spirituali vaisnava che hanno seguito Sri Caitanya Mahaprabhu, e rigorosamente presentato i suoi insegnamenti.
Sandhya: Periodo.
Sankara: Un altro nome di Siva, il più potente degli undici Rudra, dal quale emanano tutti gli altri.
Sankaracarya: Il famoso e influente maestro monistica del IX secolo, la cui filosofia sostiene che non vi è alcuna differenza tra Dio e l’entità vivente.
Sankhya: Sistema filosofico che si occupa dei principi elementari dell’universo;è anche un sistema di conoscenza spirituale con una propria metodologia, che culmina con la piena consapevolezza dell’Assoluto Supremo.
Sankirtana: Ogni attività che tende a diffondere le glorie di Dio per il beneficio di tutti. La sua manifestazione principale è il canto pubblico dei Santi Nomi del Signore, accompagnati da danze e dalla distribuzione di prasadam (*vedere Prasadam). Le Scritture vediche lo presentano come l’unico metodo e sacrificio capace di neutralizzare le influenze degradanti di Kali.
Sannyasa: (1) La rinuncia ai frutti delle attività realizzate nel rispetto del dovere. (2) La quarta e ultima tappa della vita spirituale (*vedere Asrama). La rinuncia totale alla vita familiare o sociale, al fine di dominare perfettamente i sensi e la mente, per dedicarsi interamente al servizio di Krishna.
Sannyasi: (1) Devoto di Krishna che rinuncia a tutto per servire il Signore. (2) Chi vive secondo le regole del sannyasa (*vedere Sannyasa).
Santa-rasa: Relazione amorosa con il Signore con attitudine di venerazione passiva.
Saranagati: Resa.

Sari: Corpo. Abbigliamento tradizionale indiano per le donne.
Sarvabhauma Bhattacarya: Un grande studioso che fu stato sconfitto filosoficamente da Sri Caitanya Mahaprabhu, e poi si arrese al Signore come suo discepolo.
Saraswati: Dea dell’erudizione e moglie di Brahma.
Sastra: Scritture rivelate.
Sat: La Verità Assoluta, l’eterno.
Sat-cid-ananda vigraha: Caratteristiche proprie della forma (vigraha) spirituale e assoluta del Signore Supremo, così come anche della forma originaria delle anime individuali, le quali partecipano della sua natura. Caratteristiche della stessa esistenza spirituale in sé.
Sat-karma: Buona condotta.
Sattva: Equilibrio, armonia, serenità, tranquillità, gentilezza, purezza, ecc. (*vedere Guna).
Satya: Il piano dell’esistenza o eternità.
Satyaloka: (1) Il pianeta del Signore Brahma; (2) Vaikuntha.
Satyam: Verità.
Satya-yuga: La prima era (yuga) di un ciclo di quattro (maha-yuga); dura 1.728.000
anni. Durante questo periodo la quasi totalità degli esseri umani vivono in uno stato di auto-realizzazione spirituale.
Seva: Servizio.
Semidei: Ognuno degli ingegneri incaricati della perfetta progettazione e funzionamento dell’ordine universale (*vedere Deva).
Sabda: Suono divino rivelato.
Sakti: Energia e/o potenza
Santi: Pace.
Saranam: Aiuto, ausilio, difesa.
Siddhi: Una perfezione dello yoga mistico.
Siddha: Chi è giunto alla comprensione della radiosità del Brahman. Un’anima liberata.
Siddhanta: La verità conclusiva delle Scritture.
Siksa: istruzioni spirituali.
Siksa-guru: Il maestro spirituale che istruisce per l’elevazione spirituale.
Siksastaka: Otto preghiere istruttive scritte dal Signore Caitanya Mahaprabhu.
Siva: Semidio che supervisiona la qualità del materiale dell’ignoranza e la distruzione finale del cosmo materiale.
Sita: Eterna consorte del Signore Ramacandra.
Sloka: Verso in sanscrito.
Smaranam: Pratica devozionale per ricordare il Signore.
Smarta-brahmana: Brahmana che segue rigorosamente i principi vedici attenendosi al rituale.
Smrti: (smrti-sastra) Gli insegnamenti delle Scritture rivelate, impartiti da anime liberate che hanno scritto sotto ispirazione divina e che hanno pari importanza delle sruti.
Sraddha: (1) Fede, buona fede. (2) Cerimonia vedica per gli antenati.
Sravanam Kirtanam Visnu: I processi devozionali di ascolto e canto delle glorie del Signore Visnu.
Sri, Srila, Srimati, Sripada: Titoli che precedono il nome di grandi personalità o libri sacri.
Sri Isopanisad: Antico libro di norme spirituali per l’umanità.
Srila Atulananda Acharya: (1951) Guida e maestro spirituale di centinaia di persone in diversi parti del mondo. Ha studiato filosofia presso l’Università di Buenos Aires e nei suoi frequenti viaggi in India ha approfondito la conoscenza vedica, l’idioma sanscrito, Hindi, Bengali e varie scritture antiche d’Oriente. Fluente in sei lingue ha girato il mondo tenendo migliaia di conferenze, che continua ad offrire giornalmente nelle città che visita.
Srila Bhakti Pramode Puri Maharaja: (1898-1999) Maestro spirituale noto per la sua vasta conoscenza e la pratica meticolosa di installazione e adorazione della divinità, era conosciuto come pada-puja.
Srila Bhakti Raksaka Sridhara Maharaja: (1895-1988) Sannyasa-guru di Srila Bhakti Aloka Paramadvaiti Maharaj. Trovò una pia nascita a Sri-gauda-mandala, la regione sacra dove Sri Caitanya Mahaprabhu esibì i suoi divini passatempi sulla Terra. Fin da piccolo sentì una naturale affinità con la missione di Sri Caitanyadeva, il Sankirtana, il grande canto collettivo dei Santi Nomi del Signore Supremo.
Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati: (1874-1936) Il maestro spirituale di Sua Divina Grazia A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada e di Sua Divina Grazia Srila Bhakti Raksaka Sridhara Deva Goswami Maharaja. Nel 1905 iniziò a predicare il messaggio di Mahaprabhu mentre risiedeva a
Sri Mayapur. Seguendo le orme di Srila Haridasa Thakur, recitava il santo nome 300.000 volte al giorno, dormiva a terra per poche ore ed era molto frugale nel mangiare. Srila Gaurakisora dasa Babaji era molto contento nel vedere la grande rinuncia di Srila Sarasvati Thakura. Era solito dire: “Nel mio Prabhu io vedo lo stesso tipo di rinuncia che si vide in Sri Rupa e Sri Raghunatha”.
Srila Bhaktivinoda Thakura: (1838-1915) Maestro spirituale e padre di Srila Bhaktisiddhanta
Sarasvati. Stabilì saldamente il concetto del puro Vaisnavismo nel cuore di molte persone istruite e spiritualmente curiose del Bengala, nell’ultima parte del XIX secolo.
Srila Gaurakisora dasa Babaji: (1830-1914) Eccelso devoto avadhuta. Amico intimo di Srila Bhaktivinoda Thakura e maestro spirituale di Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura Prabhupada.
Srila Harijan Maharaj: (1946-1990) Primo maestro spirituale della Colombia; il suo esempio come rinunciante e il servizio di devozione instancabile sono un dono per il mondo e per tutti i futuri aspiranti alla vita da sannyasi.
Srimad-Bhagavatam: (Bhagavata Purana) Il “Purana immacolato”, tratta esclusivamente del
servizio devozionale puro che si presta al Signore Supremo. Commento naturale del Vedanta-sutra (*vedere
Vedanta-sutra). Fu scritto 5000 anni fa da Srila Vyasadeva in accordo alle istruzioni del suo maestro spirituale naturale Narada Muni, che gli consigliò di concludere la sua vasta opera letteraria descrivendo le qualità, attività e divertimenti trascendentali del Signore Supremo nel mondo spirituale. L’opera è composta di 18.000 versi divisi in 12 canti.
Sruti: I quattro Veda originali. Insieme di scritture rivelate che provengono direttamente da Dio stesso.
Srutidhara: Chi ascolta una sola volta e ricorda per sempre.
Svaha: (1) Sposa di Agni. (2) Inni per eseguire sacrifici. (3) (*Cfr. Buddhi-loka).
Svarupa Damodara: Amico vicino a Sri Caitanya Mahaprabhu; egli è l’incarnazione di Lalita-Sakhi nel Gaura-lila.
Svarupa-siddhi: Identità spirituale.
Suddha-sattva: Piano della realtà assoluta, dove esiste solo purezza e devozione.
Sudra: Gli operai e gli artigiani che assistono i membri degli altri tre varna (*Cfr. Varnasrama).
Sukadeva Goswami: Il saggio che espose lo Srimad-Bhagavatam al re Pariksit appena prima della morte del re.
Sukrti: Meriti di devozionali.
Sundaram: Il Piano dell’estasi e della dolcezza.

Surya: Semidio reggente del Sole.
Suta Goswami: Il saggio che riporta i discorsi del re Pariksit e Sukadeva Goswami ai saggi riuniti nella foresta di Naimisaranya.
Sutra: aforisma o una frase breve e concisa che contiene un profondo insegnamento.
Svakiya: Sentimenti amorosi scambiati tra i coniugi nella vita matrimoniale.
Svarupa: “Forma” o la condizione prima dell’anima, dell’essere individuale, quando si è stabilito nella relazione individuale che lo unisce al Signore Supremo.
Swami: Titolo che si dà ai monaci rinuncianti.